PROVERBI NAPOLETANI pulcin.gif (1827 byte)

[ A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z ]

A

A 'a casa d' 'o ferràro 'o spito 'e lignàmme.
Quando manca una qualche cosa proprio dove dovrebbe invece esserci.

A' altare sgarrupàto nun s'appicciano cannèle.
Alle donne ormai anziane non si fanno moine (dal Candelaio di G. Bruno).

A' 'a primma 'ntratùra (oppure: trasetùra) guardàteve 'e ssacche.
Sii molto attento e' guardati dalle persone che non conosci ancora bene o che appartengono ad un ambiente per te nuovo.

Abbesogna fa 'o pireto pe' quanto è gruosso'o culo.
Non bisogna mai fare il passo più lungo della. gamba; occorre cioè misurare bene le proprie capacità prima di intraprendere una qualsiasi iniziativa.

Abbòffete, dicette 'o puorco, ca 'o pantano è chino!
Con la lena, l'assiduità e l'intelligenza bisogna saper emergere e distinguersi nel proprio ambiente di lavoro. Può anche significare che, nei momenti di caos odi disordine, ciascuno deve approfittare al massimo per fare i propri interessi.

Abbrìle, còrcate prièsto (o: ambrèssa) e sùsete matino.
Specie in aprile sarebbe quanto mai opportuno alzarsi presto per godere appieno dei colori e dei profumi primaverili, particolarmente accentuati nelle prime ore del mattino.

Abbrìle, doce è 'ddurmi, l'aucièlle a cantare e l'arbere à sciurire.
È il proverbio antitetico al precedente;.
in questo infatti è contenuto un invito a poltrire, proprio perché siamo nel pieno della primavera.

'A bella 'e ciglie, tutte 'a vonno e nisciùno s' 'a piglia.
Le ragazze molto belle sono corteggiate da tutti ma nessuno pensa di sposarle  nella tema che, data la
loro avvenenza, possano aver avuto in passato delle precedenti esperienze o possano ... averle in futuro.

'A bella figliòla nun manca 'nnammurato.
Le belle donne hanno sempre un innamorato.

'A bella nchiàzza dint' a casa è sciàzza.
Quando una donna tiene a farsi vedere in giro sempre bene ordinata ed imbellettata quasi. certamente à casa sua è sciatta e trasandata:

'A bona mercanzia trova prièsto a ghjì pe' 'n'àutra via.
Tutte le cose belle e buone trovano sempre chi le desidera e le prende.

'A bona parola mògne,'a trista pògne.
La buona parola produce sempre del bene mentre la cattiva punge e nuoce.

A briscola se jòca culle denare!
Nei giochi di carte, ed anche negli affari, occorre denaro contante.

A buono cavallo nun le manca sella.
Nessuno si lascia scappare una favorevole occasione oppure un ottimo affare.

A buono 'ntennitòre poche parole.
Chi vuole comprendere intende anche con un semplice cenno od accenno, con una mezza parola, etc.

'A buscìa tène 'e. gamme corte...
Come il proverbio in lingua.

'A buscìa tène'e pière...
Le bugie camminano velocemente e si propagano ingigantendosi sempre più.

Acàla 1'uòcchie'nterra e abbàda a 'e fuòsse!
Guarda bene dove metti i piedi; attento a ciò che fai!

'A campana dice dòngo e dàmme.
Il caratteristico suono del rintocco di una campana (don dan) dovrebbe ricordare agli uomini che nella vita per ricevere bisogna prima dare.

'A campana se cunosce da 'o ssunà, l'ommo da 'o pparlà.
La bontà del bronzo di una campana si riconosce dal suono dei suoi rintocchi ed il carattere dell'uomo dal suo modo di ragionare e di esprimersi.

'A capa ca nun fa .perùcchie è capa 'e fenùcchio.
È da presumere quindi che solo i calvi erano, una volta, esenti da pidocchi.

'A capa 'e sotta fa. perdere 'a capa a capa 'e còppa.
Il sesso può far diventare pazzi o scemi.

'A carciòffola se mònna a' 'na foglia a' vòta.
Ogni cosa deve essere fatta con criterio e con gradualità.

'A carne 'a sotto e i maccarùne 'a coppa...
Spesso le partisi invertono: le persone intelligenti soccombono egli stupidi vanno avanti.

A carne 'e 'lupo, diènte'e cane!
Per le persone violente occorre un interlocutore della stessa pasta.

'A carne è scesa e 'o purmòne è sagliùto.
Quando le persone per bene cadono in miseria ed i villani si arricchiscono.

'A carne fa carne e 'o vino fa sango!
La carne irrobustisce ed il vino fa buon sangue e quindi entrambi questi alimenti sono da preferire agli altri. '

'A carne se jètta e 'e cane s'arràggiano.
Quando c'è abbondanza di roba ma mancano i soldi per acquistarla.

A Carnevale ogne pazzia vale.
Perché è appunto il particolare periodo dell'anno durante il quale le mascherate e le burle sono di prammatica.

A canocchie a canocchie Pullecenèlla accedètte 'a muglièra.
A poco a poco, e quasi senza accorgercene, possiamo combinare grossi guai.

'A casa cu' ddòje porte 'o diàvulo s' la porta!
Perché offre maggiori chances alle tresche amorose di ciascun coniuge.

À casa d' 'o jucatore nun c'è àutro che dulore.
Perché in genere il vizio del gioco prima o poi porta alla miseria.

A casa d' 'o mièdeco e d' 'o pagliette trase e aspiètte.
Tranne nei pochi casi in cui "si riceve per appuntamento", rientra nella prassi abituale fare anticamera negli studi dei medici e degli avvocati.

A casa d' 'o 'mpiso nun parlà le corda!
Non risvegliare un dolore a chi lo ha già patito.

A casa 'e pezzente, nun mancano tòzzole.
Duplice significato: 1) A casa del povero troverai sempre un pezzo di pane, anche se raffermo. 2) Nonostante la sua miseria, il povero quando mangia lascia anche lui delle molliche o, in genere, degli avanzi.

A cavallo 'e razza nun serve scurriàto.
Un giovane bene educato non avrà mai bisogno di rimproveri o richiami perché si comporterà sempre nel migliore dei modi.

A cavallo rialàto nun se guarda 'mmòcca.
Qualsiasi regalo, anche se modesto, ha sempre un intrinseco valore e quindi deve essere sempre bene accetto ed apprezzato.

Accìde cchiù la lengua ca 'a spata.
Sono più terribili le maldicenze che le armi

Accossì somme vàje, accossì sì tenuto.
A seconda dì come sei vestito così sei giudicato. In questo caso l'abito fa il monaco (Basile, Muse nap,VII, 23).

Accunciàrse (o: agguazzarse) quatt'ove 'int' a 'nu piatto.
Sistemare le proprie cose nel migliore dei modi, anche a danno di altri.

Accussi va o munno: chi nàta e chi va a fùnno.
In questo mondo c'è sempre chi emerge é chi va a fondo.

'A cepolla manco 'e cane 1'addòrano.
Nessuno vuole interessarsi di cose tristi e lacrimevoli.

'A cera se strùje e 'a prucessione nun cammina.
Quando si indugia troppo in una cosa o si perde del tempo inutilmente.

'A cervèlla'e ll'ommo è'na sfoglia 'e cepolle.
La mente dell'uomo è delicata ma, nello stesso tempo, molto complicata e capace di qualsiasi cosa.

A chiàgnere'nu muorto so' làcreme pèrze.
Chi e morto è morto e le lagrime sono ormai inutili.

A chi dice 'e fatte 'e ll'àutrè nun dicere'è tuòje!
Non dire le tue cose a chi è solito spettegolare perché f nirai sulla bocca di tutti.

A chi le fète ancora 'a vocca le latte s'alleccàsse le piatte!
I giovani devono stare al proprio posto e non intromettersi nelle faccende dei grandi.

A chillu santo ca nun fa bene nun cercà né quanno va' né quanno vène.
E' perfettamente inutile rivolgersi a persone che non possono o non. vogliono aiutarti.

Antonio Rotondo - "I proverbi di Pulcinella"

 

 

 


Copyright (c) 2003 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.
Web Master: G.C.G.