Adele Vian
canta il nonno Antonio Viscione

Ha cominciato a prendere lezioni di canto a vent’anni. Predilige esibirsi soprattutto nei club per soli soci e nei circoli culturali, a causa dell’atmosfera intima che vi si crea. Ha cantato in molti locali caratteristici napoletani (es. Airone, Murat, etc.), ha partecipato a numerose manifestazioni in cui si raccoglievano fondi per beneficenza, e per questo motivo ha ricevuto premi dall’associazione del Circolo ILVA, dall’associazione nazionale Arditi d’Italia ed altre. Ha partecipato a numerose rassegne teatrali dell’isola d’Ischia ed in estate si è esibita nelle folcloristiche “taverne” del porto d’Ischia ed in altri ritrovi isolani. Ha inciso 2 CD e scritto 3 canzoni in italiano ed inglese. Il suo repertorio spazia tra il jazz, il blues, canzoni di lingua inglese, francese, spagnola e naturalmente italiana, ma la sua passione resta la canzone classica napoletana.

  1. Luna Rossa        5.57

  2. Suonno              3.35

  3. Ma Pecchè        4.22

  4. Mannaggia         3.27

  5. Nisciuno            4.03

  6. Pulecenella         2.46

  7. Settembre          3.56

  8. Invece               3.14

LUNA ROSSA
Musica di: Antonio Vian
Versi: Vincenzo De Crescenzo
(1950)

I
Vaco distrattamente abbandunato
L’uocchie, sotto ’o cappiello annascunnute
rnane in’ ’a sacca e bavero ajzato
vaco fiscann’a ‘e stelle ca so’ asciute

E ’a luna rossa me parla e te...
io le domando si aspiette a mme
e me risponne: "Si
o vvuò sapè...
Ca’ nun ce sta nisciuna!"
E io chiammo
o nomme pe’ te vedè
ma tutt’
a gente che parla e te
risponne: "E’ tarde: che vuò sapè?
Cca’ nun ce sta nisciuna!"
Luna rossa...
chi me sarrà sincera?
Luna rossa
se n’è ghiuta i’ata sera
senza me vedè!

E io dico ancora ca aspetta a mme
fore
o balcone stanotte e ttre
e prega
e sante pe’ me vedè"
...ma nun ce sta nisciuna!...

II
Mille e cchiù appuntamente aggiu tenuto.

Tante e cchiu sigarette aggio appicciato.
Tante tazze
e cafè me so’ bevuto.
Mille vucchelle amare aggiu vasato.
E io dico ancora....

Nisciuno
Musica di: Antonio Vian
Versi: Giuseppe Russo
(19..)

I
Io ca passavo e notte mmiezo a via
mò, a primma sera torno a casa mia!
«Comme va? Comme va?»
Me dice chi me vede e ritirà.
Ma quanta cose a gente vò appurà!

II
Cu e buone amice mo sto ncumpagnia
e, nzieme a lloro, dice mamma mia:
Comme va? Comme va
ca tu hè tenuto a forza d’ a lassà?
Ma comme, pure mamma pò sbaglià!

Ritornello:
Nisciuno,
nun o sape nisciuno
ca tu m’hè lassato
pe’ n’ato!
Nisciuno,
nun o penza nisciuno
ca io passo e nuttate
scetato.
Scetato, io me sonno ca staje ’mbraccio a mme!
E rido E rido
p’ annasconnere o chianto
ma nun sape niente
nisciuno!

Finale:
p’ annasconnere o chianto
ma nun sape niente
nisciuno!


Copyright (c) 2001 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.
Web Master: G.C.G.