canzone napoletana

La canzone popolare non si definisce, essa si sottrae all'arida spiegazione delta scienza; a una cosa vaga, fuggevole, senza contorni determinati, evanescente. E' tutto ed a nulla; a un soffio leggero e può diventare una leva potente; brilla di tutti i colori dell'iride, si crede sia una perla ed e una bolla di sapone; donde viene non si sa, dove va non si conosce. Può morire, ma può anche resuscitare; ha una fragile esistenza ed intanto resiste agli urti degli avvenimenti, al trascorrere degli anni. In essa si ritrova lo spirito multiforme di un popolo; è gaia, vivace, dal ritornello allegro, dalle battute affrettate e rapide; e malinconica, dalle note lunghe e cadenzate, con un pensiero mesto che ricompare ogni tanto; talvolta e burlesca, vi si sente lo scoppiettio del sarcasmo ed il fischio dell'ironia, e infine, con profonda ed incosciente filosofia, unisce spesso parole dolenti ad un motivo brillante. un amento, una risata, un sogghigno, un bacio. L'espressione di un momento, la durevole rappresentazione di un sentimento rapidissimo; e un'idea complessa ed energica che ha bisogno di svolgersi con parola e con la musica. Senza sapere la prima bocca che l'ha intonata, la canzone si propaga in un momento,diventa proprietà del popolo, e se essa ha saputo cogliere bene l'idea ed il sentimento, sopravvive lungamente. Sono componimenti spontanei, sinceri, senza retorica e senza orpelli; semplici e senza trucchi, ma tuttavia densi di sentimento, di passione, di verità, di morale, di filosofia. Sono dei brani di vita; sono degli squarci di lirismo; sono dei piccoli poemi che lasciano pensosi, che commuovono, che ammoniscono, che esaltano.

Matilde Serao

Con l'espressione "canzone napoletana" si indica comunemente tanto quella produzione che si afferma dalla seconda metà dell'Ottocento - la canzone d'autore del periodo d'oro, la "classica" - che buona parte della musica vocale con testo in dialetto. Nasce nell'Ottocento come punto di arrivo di un lungo processo storico in cui giocano un ruolo fondamentale le condizioni culturali e politiche insieme alle forme poetiche e musicali.


Feste
le Piedigrotte

Copielle
immagini d'epoca

Copertine
edizioni musicali

Cartoline
immagini d'epoca

Dal 1880 ha inizio quella che viene considerata l'epoca d'oro della canzone napoletana. È l'anno in cui viene composta e diffusa Funiculì funiculà, destinata a diventare una delle canzoni più eseguite e popolari in tutto il mondo. Tutto contribuisce, negli ultimi vent'anni del secolo, all'esplosione del fenomeno "canzone napoletana", che avrà inizialmente carattere locale e guadagnerà poi una diffusione nazionale e internazionale.


Tipografi
case editrici

Incisioni
dischi a 78/45/33 giri

Locali
antichi ritrovi

Pubblicità
loghi d'epoca

È in questo periodo, durato più o meno quarant'anni, che la canzone napoletana non segue più due percorsi diversi: non più canto popolare nelle taverne e villanelle colte nelle case aristocratiche, non più canzoni occasionali per i cantanti di strada e romanze nei salotti. Nelle cantine di via Tribunali e nei ristoranti eleganti di Posillipo, nei vicoli poveri e nelle case dei "signori" si cantano le stesse canzoni. Queste diventano patrimonio di tutte le classi sociali, svolgendo così una funzione aggregante delle diverse anime della città, che in essa si riconosceranno.

 
Collezionisti
R. Cortese - U. Mollo

Oggettistica

produzioni artistiche
 

Si vengono a creare contemporaneamente condizioni favorevoli ed irripetibili:
- si forma un gruppo di autori di assoluto valore: compositori e poeti, alla cui testa è Salvatore Di Giacomo, che scrivono canzoni di grande bellezza e popolarità;
- nasce un'editoria musicale ricca di competenze e iniziative, e nei primi del Novecento muove i suoi primi passi l'industria del disco;
- la canzone si lega in modo indissolubile alla tradizione della festa di Piedigrotta, il cui mito ne diventa un formidabile veicolo promozionale;
- nascono i primi caffè-concerto e i primi teatri di varietà, che diventeranno punti di riferimento stabili, dove poter ascoltare, più o meno quotidianamente, canzoni napoletane;
- il varietà produce i suoi primi divi che legano il loro nome alle canzoni di successo e le diffondono anche fuori di Napoli;
- i posteggiatori, oltre che nei ristoranti, trattorie e caffè napoletani, cominciano a essere ricercati e si esibiscono in tutto il mondo;
- le canzoni napoletane entrano nel repertorio della maggior parte dei cantanti lirici che le diffondono, specialmente all'estero, nel corso dei loro concerti;
- l'ultimo elemento, non meno importante, è l'assenza di una vera concorrenza: non esiste ancora la canzone italiana, né giungono gli echi di musiche straniere.

Tratto da: Salvatore Palomba, La Canzone Napoletana
Ed. L'ancora del Mediterraneo - Napoli 2001

[ ORIGINI | STORIA | CANZONI | FESTIVAL | CRONOLOGIABIBLIOGRAFIA | D.LGS ]

I più rappresentativi
poeti e musicisti degli
anni d'oro
della canzone napoletana

POETI MUSICISTI
   
BOVIO LIBERO (1883-1942)
Autunno, Guapparia, Tu ca nun chiagne, Reginella, Chiove, Signorinella.
ALBANO FERDINANDO (1894 -1968)
’O meglio amico, Zappatore, Scapricciatiello.
   
BRACCO ROBERTO (1858-1943)
Tarantì-tarantella; Tarantella ntussecosa; Sentinella; Africanella.
BUONGIOVANNI FRANCESCO (1872 - 1940)
Palomma ’e notte, Pupatella, Totonno e quagliarella, Lacreme napulitane.
   
CALIFANO ANIELLO (1870 -1919)
Carmela mia, Ninì tirabusciò, ’O surdato nnamrnurato.
CAPOLONGO GIUSEPPE (1877-1928)
Suonno ’e fantasia, Nuttata ’e sentimento, O’ surdato tene vint’anne.
   
CAPALDO GIUSEPPE (1874 -1919)
Comme facette mammeta, Ll’arte d’ ’o sole, ’A tazza ’e café.
COSTA MARIO (1858 -1933)
Napulitanata, Era de maggio, Scetate, ’A francesa.
   
CAPURRO GIOVANNI (1859 -1920)
O sole mio, Lily kangy, Totonno ’e quagliarella.
D'ANNIBALE VINCENZO (1894-1950)
’O paese d’ ’o sole; ’A luna.
   
CHIURAZZI LUIGI (1831-1926)
Guarracino; Mariannina stà malata; Levatella sta pagliatella; Nnippo Nnappo.
DE CURTIS ERNESTO (1875- 1937)
Torna a Surriento, Voce ’e notte, Canta pe mme, Tu ca nun chiagne.
   
CINQUEGRANA PASQUALE (1850 -1939)
’A luntananza, Furturella, ’A cura ’e mammà.
DE LEVA ENRICO (1867 - 1955)
’E spingole francese, A’ Capemonte.
   
DE CURTIS GIAMBATTISTA (1860 -1926)
Carmela, Torna a Surriento.
DENZA LUIGI (1846-1922)
Funiculi funiculà, Lu telefono, Uocchie nire.
   
DEL GAIZO DIODATO (1868-1943)
’O marenariello (I ed.); Funtana mia; ’A muntagna.
DI CAPUA EDUARDO (1865 - 1917)
’O sole mio, I’ te vurria vasà, Torna maggio.
   
DI GIACOMO SALVATORE (1860 -1943)
Era de maggio, Marechiare, ’E spingole francese, Luna nova, Palomma ’e notte.
DI CHIARA VINCENZO (1864- 1937)
Palomma mia, La spagnola, Popolo pò.
   
MARIO E.A. (1884 -1961)
Funtana all’ombra, Io ’na chitarra e ’a luna, Santa Lucia luntana, Core furastiero, Ladra, Balocchi e profumi.
FALVO RODOLFO (1837 - 1937)
Uocchie c’arraggiunate, Guapparia, Dicitencello vuje.
   
MUROLO ERNESTO (1876 -1939)
Tarantelluccia, Pusilleco addiruso, Napule, Piscatore ’e Pusilleco, Mandulinata a Napule.
GAMBARDELLA SALVATORE (1871-1913)
’O mariniello, Furturella, Lilly kangy, Serenata ’a Surriento, Ninì tirabusciò.
   
NICOLARDI EDOARDO (1878 -1954)
Voce ’e notte, Mmiezz’ ’o grano, Tammuriata nera.
LAMA GAETANO (1886 - 1950)
Reginella, ’O mare canta, Silenzio cantatore, Cara piccina, Come le rose.
   
RUSSO FERDINANDO (1866 - 1927)
Scetate, Quanno tramonta ’o sole, Serenata a Pusilleco.
NARDELLA EVEMERO (1828 - 1950)
Mmiez o grano, Mandulinata ’a luna, Chiove, Chet’aggia di.
   
RUSSO VINCENZO (1876 -1904)
Maria Marì, I’ te vurria vasà, Torna maggio.
SEGRE' RAFFAELLO (1879-1926)
Cara mammà; ’A canzona guappa; A mergellina; L'acquaiola nova; ’O vommero; Mannaggia ’a mugliera; Ammore capricciuso; Addò me vasa Rosa.
   
SACCO RAFFAELE (1787-1872)
Te voglio bene assaje; La busciarda; Lo returno de lo cardillo; Lo spantecato sotto lo barcone de Menechella.
TAGLIAFERRI ERNESTO (1889 - 1937)
Napule, Napule ca se ne va, Qui fu Napoli, Passione.
   
STELLATO LUIGI (1856-1925)
Levete ’a cammesella; Scinne scì, sta cazettella; Donna Teresina con la stella arreto; A milizia territoriale; Lo coruoglio.
TOSTI F. PAOLO (1846 - 1916)
Marechiare, Napule, A’ vucchella.
   
TURCO GIUSEPPE (1846-1903)
Funiculì funiculà; ’O telefono; Uocchie nire; Tarantì, tarantella; Capille nire; Vocca ’e rosa.
VALENTE NICOLA (1881-1946)
L’addio, Brinneso, Simm’ ’e Napule paisà, Signorinella, Torna.
   
VIVIANI RAFFAELE (1888-1950)
Bammenella; Quanno iarraie a spusà; Caro Totò; Fifì Rino; Ce vevo ’a coppa.
VALENTE VINCENZO (1855 - 1921)
Muntevergine, Tiempe belle.

TEATRO TRIANON
COLLEZIONE TOLINO


NAPOLI nella raccolta
ETTORE DE MURA

 

 

 


Copyright (c) 2003 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.
Web Master: G.C.G.