"Inverno al Borgo"

Se è vero che "bisogna trovare il proprio sogno perchè la strada diventi facile", citando Hesse, noi abbiamo cercato il nostro facendo quattro passi, nelle fredde notti napoletane, al Borgo Marinari, oasi suggestiva nel cuore convulso della città ed abbiamo creduto di trovarlo fermandoci a "Le Bar", dove l'affabilità di Tania Molinari e Ciro Buono, padroni di casa, ben si coniuga con i delicatissimi dolci artigianali e gli ottimi cockails serviti, a lume di candela, dall'infaticabile Silvana Del Colombo. Ben si intona all'ambiente all'ambiente anche la musica, tornata, finalmente, a fare da sottofondo alle chiacchiere tra amici. L'atmosfera riconcilia con la città e con il proprio sogno, specie quando, a notte ormai inoltrata, andiamo via lasciandoci alle spalle l'ombra, cupa ed ancestrale, del Castel dell'Ovo.

Clementina Esposito


Copyright (c) 1997 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.