PARTENOPE IN UNIFORME

Si è svolta a Napoli, nella cornice di Palazzo Reale, la 3a edizione della mostra "Partenope in Uniforme" dove hanno fatto bella mostra di sè cimeli, uniformi, elmetti, soldatini e documenti relativi a due secoli di storia cittadina: dai Borbone ai giorni nostri.

Alla mostra, in rappresentanza di una tradizione che vuole rinnovarsi, era presente il negozio "NAPOLI 1860"; un vero e proprio angolo che ripristinava i fasti del Regno Borbonico delle due Sicilie.

Posto al centro di Napoli, in via S. Teresa a Chiaia, ad angolo con via S. Pasquale a Chiaia, il negozio propone abbigliamento maschile e femminile, cravatte, foulard, libri, distintivi, portachiavi, bandiere e quant'altro, con un solo simbolo: quello Borbonico, a dimostrazione della personale esperienza di un imprenditore da sempre legato alle proprie radici culturali.

Attraverso i suoi articoli, egli lancia un messaggio importante per la nostra città: ritornare ad essere orgogliosi della nostra antica e nobile storia, con un semplice capo d'abbigliamento o un accessorio da indossare nel quotidiano.

Bisogna puntualizzare però che l'intento non è puramente nostalgico ma che si propone bensì come un'operazione che sappia recuperare la "memoria storica" di un passato prestigioso che troppo spesso viene considerato "il passato", una storia altra, magari un tempo di cui vergognarci, perchè per 136 anni ci hanno detto che i nostri dialetti erano volgari, che le nostre tradizioni erano selvagge e che essere "meridionali" o "Borbonici" voleva dire essere ignoranti o incivili, procedendo così ad una vera e propria opera di cancellazione storica.

Riprendiamoci allora il prestigio delle nostre radici culturali attraverso l'operazione di "Napoli 1860", che con articoli personalizzati che hanno come segno distintivo il simbolo araldico della nostra antica e nobile bandiera del Regno delle due Sicilie, unisce commercio e cultura.

05.12.1997 - Roberta Aldanese


Copyright (c) 1997 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.