Luigi Signore
pittore e scultore

Figlio d'arte, Luigi Signore, nel suo laboratorio di via Lazio 8 - Miano (NA), è sicuramente al momento tra i migliori scultori presepiali in Italia. Suo padre diceva che se avesse fatto il Presepe per almeno 50 anni, sarebbe poi andato in Paradiso. Di Presepi il maestro Signore ne ha realizzati molti di più. Inizia negli anni '50 ad esporre al pubblico i propri presepi dapprima in diverse chiese napoletane (Spirito Santo, San Nicola alla Carità, Santa Maria la Nova) e, successivamente nella galleria Umberto I di Napoli; da due anni espone anche al santuario di Montevergine (AV) in memoria della perdita di un figlio. Sono ormai 12 anni che il suo Presepe è quasi un'istituzione, sebbene ogni tanto qualcuno ne propone utilizzi diversi (non ultimo il ballo di liscio in galleria).

Quattrocentomila visitatori da tutto il mondo è il bilancio annuo del suo allestimento. Lo "scoglio", come viene anche chiamato, allestito in meno di una settimana, dura mediamente un mese e viene smontato subito dopo l'epifania. Suddiviso in cinque parti - il Tempio con la grotta, l'Oriente, il Mercato, la Taverna, l'Annunciazione - si compone mediamente di 450 figure. Ciascun pastore, realizzato completamente a mano secondo la tradizione settecentesca (testa, mani e piedi in terracotta policroma, occhi in vetro, manichino in stoppa, anima interna in ferro, paramenti in tessuto originale d'epoca), è alto cm.40/45 e necessita di circa 3 giorni di lavoro. Il maestro si avvale anche dell'aiuto dei figli: Anna per i vestiti e Giuseppe per la scenografia; Rosario è specializzato nelle riproduzioni d'epoca, Salvatore nelle miniature, che espone presso la sua piccola bottega in via Duomo 184 a Napoli. Anche i nipoti sono stati contagiati da questa passione. Gaetano, 12 anni, promette buoni risultati per il futuro.

I soggetti, non copiati e creati direttamente dalla propria fantasia, si ispirano alla tradizione settecentesca, con caratteristiche anatomiche e somatiche fortemente accentuate (vecchi con rughe, volti vissuti, figure deformate). L'esposizione in galleria, fatta unicamente a proprie spese, pur comportando diversi problemi in parte risolti con la presenza di una guardia notturna cui provvede personalmente l'artista, gli garantisce molte commesse, soprattutto all'estero, dove è stato più volte invitato a recarsi per esposizioni. Luigi Signore, per un timore congenito verso i mezzi di trasporto, ha sempre rifiutato e, malgrado le vantaggiose offerte, continua il suo allestimento in galleria. A Napoli è stato tra i primi artigiani dal dopoguerra a realizzare pastori con occhi in vetro; le sue creazioni sono famose in tutto il Mondo.

Il maestro Luigi Signore, è famoso anche come pittore; infatti sua altra passione è dipingere. Costretto ad abbandonare gli studi durante la guerra, matura la propria professionalità da autodidatta, esponendo le proprie opere in numerose mostre che riscuotono puntualmente il dovuto successo. La sua tecnica personale consiste nell'utilizzo di un supporto in tela di sacco ingessata a buccia d'arancia sulla quale dipinge prediligendo tonalità calde. Attualmente sta lavorando al quadro (100x140) dal titolo "Lotta per la sopravvivenza", il cui soggetto è un gruppo di cavalli intenti a lottare.

Bruno Carrano


Copyright (c) 1997 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.