Mathelda Balatresi

Lunedì 20 gennaio si è inaugurata presso l'Istitut Francais de Naples, la mostra della pittrice - napoletana d'adozione - Mathelda Balatresi. "Recuperando un fraseggio di segni, immagini, forme e strutture che rimandano ad una arcaica, universale fonte del sentire, la pittura di Mathelda Balatresi si configura attraverso una straniante armonia di silenzi. E ad una rarefatta immobilità il compito di caratterizzare persino i 'Panorami di Napoli' rivisitati con l'essenzialità che fa piazza pulita di qualsiasi oleografia. Una statua, il Vesuvio, il Castel dell'Ovo, una portaerei sul mare appaiono come elementi quasi 'scollegati' tra loro e lontanissimi, trasferiti in una sfera metafisica e immateriale, in un limbo liquescente che attenua contrasti e colori. Una sorta di intervallo temporale; il tempo sospeso dunque e non misurabile che si può tuttavia sostanziare di preziose memorie, di una spaziale cantabilità e di allusivi segni di vita" (R. Notte). Presenti molti esponenti della cultura napoletana: Filippo Alison, Fabrizio Mangone, Luciana Casanova, il critico cinematografico Valerio Caprara, il pittore De Stefano, Mimmo Jodice, Mariarita Pinto ed altri. La serata si è poi conclusa al piano superiore, presso l'abitazione del direttore dell'Istituto francese Grenoble - Jean Noel Schifano, dove si è tenuto un esclusivo luculliano banchetto a base di tipici piatti della cucina napoletana.
Un elegante ristorante DOC in casa francese!

G.C.G.


Copyright (c) 1997 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.