Civiltà dell'Ottocento
dai Borbone ai Savoia - 1799/1899


Museo di Capodimonte
"Arte a Corte. Dai Borbone ai Savoia"
25 ottobre '97 – 26 aprile '98

Nucleo centrale delle celebrazioni dedicate all’Ottocento è la mostra "Arte a Corte. Dai Borbone ai Savoia" al Museo di Capodimonte.
Attesa come uno dei più grandiosi eventi espositivi della stagione, la mostra costituisce un’occasione irripetibile per vedere riuniti più di duecentocinquantamila dipinti, cento disegni, acquarelli e pastelli, settanta sculture in marmo, bronzo e terracotta, trecento preziosi oggetti d'’rredo e decorazione (mobili e argenti, porcellane e terraglie, armi e gioielli).
Nell’Appartamento Reale, al "piano nobile" del Museo di Capodimonte, l’allestimento scenografico, curato da Pier Luigi Pizzi, rievoca i fasti reali e il mutare delle istanze estetiche e di gusto nell’arco di oltre mezzo secolo.
Le sale del secondo piano ospitano un autentico "salon" della pittura e scultura del XIX secolo a Napoli.

Palazzo Reale
"La Città Borghese. Architettura e Urbanistica"
25 ottobre '97 – 26 aprile '98

Un’ampia selezione di disegni e rilievi architettonici, di plastici e vedute urbane documenta lo sviluppo della città; dagli interventi avviati da Giuseppe Bonaparte e da Gioacchino Murat, completati o ripresi dagli ultimi Borbone ai lavori condotti dopo l’Unità per il "risanamento" dei quartieri più antichi della zona del porto.

Villa Pignatelli
"Antonio Niccolini. Architetto e scenografo di Corte"
25 ottobre '97– 26 aprile '98

Antonio Niccolini (San Miniato 1772 – Napoli 1850) giunse a Napoli dopo aver già conquistato fama di architetto (e scenografo) di rango. Nella capitale delle Due Sicilie continuò l’attività di architetto "di corte", realizzando alcune delle sue opere più importanti, come la Villa Floridiana, con il giardino che la circonda, ed il Teatro San Carlo.

Villa Floridiana
"Galanterie. Oggetti di Lusso e di Piacere tra Sette e Ottocento"
25 ottobre ?97 – 26 Aprile ’98

Profumiere, ventagli, tabacchiere, bastoni, orologi, miniature: oggetti d’uso comune, preziosi accessori e complementi dell’abbigliamento, sono spesso veri e propri capolavori di quelle arti che solo per convenzione si definiscono ancora "minori". Un viaggio intrigante nelle tasche, nei panciotti, nelle borsette di dame e cavalieri di mezza Europa, fra consoles di salotti eleganti e toilettes di raffinatissimi boudoirs.

Museo di San Martino
"I Ricordi Storici del Regno. 1799 – 1860"
6 dicembre '97 – 26 aprile '98

Più di 600 immagini in miniatura, dipinte all’acquerello, riproducono i reali con la corte, i dignitari e l’esercito borbonico nella scenografica parata per la festa del Corpus Domini.
Un’esposizione unica, frutto di un accurato restauro che ha restituito un "pezzo" importante di storia del costume e delle tradizioni napoletane.
Intorno alla processione, dipinti, disegni, miniature, abiti, oggetti di curiosità ricreano il gusto e l’atmosfera della Napoli dell’Ottocento, con le strade e i teatri, le feste e gli eserciti, la folla e i protagonisti, in un suggestivo affresco, dal Regno Borbonico alla Repubblica Partenopea del 1790 al trionfale ingresso di Giuseppe Garibaldi.

Archivio di Stato
"Antichità e Belle Arti. Le Istituzioni"
5 novembre '97 - 31 maggio '98


Copyright (c) 1997 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.