L'Associazione Napoletana per i Monumenti ed il Paesaggio

L'Associazione Napoletana per i Monumenti ed il Paesaggio fu fondata nel 1920 da un gruppo di professionisti, molti ingegneri, in relazione alla decisione dell'abbattimento del campanile medioevale di Santa Maria a Piazza.
Obiettivo del sodalizio fu quello di far conoscere il valore dei monumenti napoletani, di tentarne la salvaguardia segnalando alle autorità quelli bisognevoli di restauro ed all'opinione pubblica i criteri di un'adeguata conservazione.
AI termine degli anni Venti l'Associazione partecipò attivamente, con pubblicazioni e conferenze, alle critiche levatesi contro i progetti di restauro di Castelnuovo redatti dal Filangieri.
L'Associazione intende diffondere la conoscenza dei monumenti napoletani attraverso visite guidate, conferenze, pubblicazioni.
Nel corso degli anni ha realizzato più di venti pubblicazioni, ristampe di testi antichi o anche opere originali, richieste ad autori di prestigio come Franco Strazzullo, Marina Picone Causa, Raimondo Annecchino, Marcello Gigante, Fausto Nicolini. Primo presidente del sodalizio fu l'ingegner Mario Monticelli cui seguirono nel 1924 il senatore Raffaele Garofalo e quindi l'avvocato Raimondo Annecchino, il barone Giuseppe Carelli, il dottor Carlo Knight. Attuale presidente è l'architetto Leonardo Di Mauro.
Nel 1968 l'attività culturale svolta dall'Associazione fu pienamente riconosciuta con il conferimento da parte del Presidente della Repubblica della medaglia d'oro dei benemeriti della cultura e dell'arte.


Copyright (c) 2002 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.
Web Master: G.C.G.