MUSEO DEL CORALLO
ASCIONE

La Ditta Ascione, la più antica manifattura di Torre del Greco (cittadina in provincia di Napoli) per la lavorazione del corallo e del cammeo, ha aperto a Napoli, in una sede prestigiosa al centro della città, uno showroom cui è annesso uno spazio museale.
Si tratta di una azienda a carattere prevalentemente familiare che agisce e vive in questo settore da ormai 5 generazioni. L’amore per il proprio lavoro ci ha indotto i titolari della ditta “ad uscire allo scoperto” per consentire a chiunque voglia saperne di più di scoprire con il nostro aiuto cosa si nasconde dietro e dentro un gioiello in corallo o un cammeo.

Il Museo del Corallo Ascione ripercorre la storia, attraverso l’esposizione di documenti originali e delle più significative creazioni, dell'azienda di Torre del Greco dall’Ottocento fino al moderno e al contemporaneo.
Il museo si compone di due sale: una sala didattica e una artistica. Nella prima, di tipo didattico, sono presentati rami di corallo di diversa provenienza e tipologia, gli antichi sistemi di pesca, gli antichi utensili per la lavorazione, numerose collane nei vari tagli e stili, i mercati ai quali erano e sono destinate. Uno spazio è dedicato anche alla lavorazione del cammeo: le conchiglie, gli strumenti, le fasi di lavorazione, gli oggetti finiti danno al visitatore un quadro completo ed esaustivo di questa particolarissima arte.

Nella sala artistica, invece, sono esposti centinaia di gioielli facenti parte della collezione privata della ditta che, seguendo un percorso cronologico, illustrano i cambiamenti del gusto dal 1805 al 1950. In tale sezione sono in mostra più di 300 oggetti in corallo, cammei, pietra lavica, testimonianze di una rara e raffinata produzione che va dagli inizi del XIX secolo agli anni quaranta del secolo scorso. Il percorso è corredato da una ricca documentazione cartacea e fotografica che illustra l'attività dell'azienda e i suoi numerosi riconoscimenti per la qualità e l'originalità dei suoi gioielli.

Il museo Ascione è sito al II piano della facciata principale della Galleria Umberto I di Napoli e ne occupa la gran parte. Ciò consente di avere una visuale eccezionale di alcuni dei luoghi più esclusivi e densi di storia della città: dai balconi del museo i rilievi di stucco della facciata del Teatro di San Carlo sono quasi “a portata di mano” e così pure le famose sculture marmoree di Carlo Nicoli che severamente sostengono le ampie finestre dei saloni principali.

Come risulta dagli archivi della Camera di Commercio di Napoli la ditta Ascione è la più antica manifattura di Torre del Greco nel delicato e prestigioso settore della lavorazione artistica del corallo, del cammeo, della madreperla, delle pietre dure e dei metalli preziosi. Nel 1855 Giovanni Ascione, figlio dell’armatore di “coralline” Domenico, decise di dedicarsi alla manifattura del corallo, attività importata a Torre del Greco agli inizi del XIX secolo. Giovanni e i suoi dieci figli riuscirono a far conoscere il marchio Ascione per la raffinatezza della loro produzione tanto da ricevere i numerosi riconoscimenti internazionali (visibili nelle sale del Museo) e da divenire fornitori ufficiali della famiglia reale che gli conferì il privilegio di fregiare il marchio con le insegne di Casa Savoia.


Copyright (c) 2009 [Interviù]. Tutti i diritti riservati.
Web Master: G.C.G.